Bologna Art HotelsTorna alla home

Sale Meeting

Via Santa Margherita 7/2
40123 Bologna, Italy
Tel. +39 051 7457338
Fax +39 051 7457336
Email info@artravelpoint.it
12

 

Sala Meeting Azzoguidi ha una capacità fino a 40 persone. Di forte atmosfera, si trova nella parte più antica dell’edificio, risalente al XV secolo. Ha uno straordinario soffitto a cassettoni ed è arredata con mobili di pregio e quadri antichi. E’ dotata di schermo e videoproiettore e può essere allestita sia a platea che a ferro di cavallo per piccoli gruppi di 15 persone.
Sala Meeting Asinelli   è la più ampia e può ospitare fino a 80 persone a platea. Si presta per qualsiasi tipo di allestimento (a ferro di cavallo, a banchi scuola, con tavolo di presidenza), è illuminata da luce naturale (ha tre grandi vetrate oscurabili) ed è dotata di tutte le attrezzature tecniche: schermo, videoproiettore, pc, wi-fi, lavagne a fogli mobili, impianto di amplificazione, speaker telephone, impianto DVD/CD, videoregistratore. Possiede anche un ingresso indipendente ed è ha una parete mobile che consente di creare una seconda sala.

Questa sala può essere divisa in:
* Garisenda meeting room         per 40 persone a platea
* Coronata  meeting room          per 15 persone a platea

Sala Meeting S. Alò è situata di fronte alla Sala Asinelli e presenta ampie e luminose vetrate. E’ ideale come ufficio di segreteria o per riunioni riservate. Può ospitare fino a 12 persone a tavolo unico e fino a 30 a platea.

Le Sale Meeting hanno le seguenti attrezzature tecniche: Connessione Wireless gratuita – Schermo e videoproiettore – Pc – Lavagne a fogli mobili – Impianto di amplificazione – Speacker telephone – Impianto DVD/CD – Videoregistartore

foto4Cuore di Genus Bononiae, Palazzo Pepoli-Museo della Storia di Bologna rappresenta un percorso museale dedicato alla storia, alla cultura e alle trasformazioni di Bologna, dalla Felsina etrusca fino ai nostri giorni. Le alterne vicende della comunità locale sono qui raccontate in modo innovativo, con tecniche espositive scenografiche ed interattive per molti versi inedite nel nostro Paese.

Imponente e originale, la Corte coperta sita al piano terra è sovrastata da una torre-ombrello di vetro e acciaio che recupera e reinventa gli spazi, illuminandoli dall’alto di bianca luce naturale che via via scende e si smaterializza in pura trasparenza. Con i suoi 600 metri quadrati è il luogo ideale in cui organizzare cene di gala per un massimo di 160 ospiti o cene a buffet per 200 – 250 invitati.Situata al primo piano di Palazzo Pepoli, la Sala della Cultura  era  l’antico salone da ballo della famiglia Pepoli. In questo spazio, suggestivo e raffinato, sono esposti, in preziose teche di vetro e cristallo, i busti delle “Dodici Donne”, protagoniste indiscusse della scena artistica e culturale della città di Bologna dal XIII alla fine del XVII secolo. Al suo interno è possibile organizzare meeting ed incontri. Dotata di schermo e videoproiettore, può essere allestita con eleganti sedute trasparenti per ospitare fino a 100 ospiti a platea.
foto3La Sala della Cultura ha le seguenti attrezzatura tecniche:
Connessione wireless gratuita – Schermo e videoproiettore – Pc – Impianto di amplificazione – Servizio di registrazione

Affrescato al piano nobile dai giovani Annibale, Agostino e Ludovico Carracci, Palazzo Fava fu definito da Roberto Longhi “un romanzo storico, immaginato sulla grande pittura precedente”. Con una superficie di oltre 2600 metri quadrati, Palazzo Fava è struttura regolare di esposizioni: nei suoi spazi sono allestite grandi mostre di opere appartenenti alla Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna e ad altre importanti collezioni pubbliche e private.
foto5Nel salone del Piano Nobile è possibile ammirare la rappresentazione del mito di Giasone e Medea, che  costituisce il primo e forse più importante ciclo d’affreschi della carriera dei Carracci: diciotto scene ispirate alle gesta di Giasone si succedono lungo le quattro pareti, raccontando le imprese dell’eroe. Particolarmente suggestiva è la scena “Gli incanti di Medea”, dove la maga si purifica al ruscello sotto i raggi della luna, che è definita da Andrea Emiliani “il primo nudo moderno della storia dell’arte”.
All’interno di questo splendido Palazzo è possibile organizzare cene di gala per un massimo di 100 ospiti o cene e cocktail più informali per 150 – 200 invitati.

 

 

SANTUARIO DI SANTA MARIA DELLA VITA, BOLOGNA. L'ORATORIO DISEGNATO DA FLORIANO AMBROSINI, 1604-17, UN BELL'ESEMPIO DI BAROCCO BOLOGNESEIl complesso monumentale di Santa Maria della Vita, la cui cupola è stata disegnata dal Bibiena, è l’esempio più rilevante di Barocco bolognese. Esso comprende il Santuario, in cui è custodito il più importante gruppo scultoreo in terracotta del Rinascimento italiano, il “Compianto sul Cristo Morto” di Niccolò dell’Arca; l’Oratorio dei Battuti e il Museo della Sanità, situato nell’antico ospedale di Santa Maria della Vita.
L’Oratorio, antica sede della Confraternita dei Battuti, al primo piano del complesso monumentale, conserva intatto tutto il suo splendore barocco. Qui è custodito il “Transito della Vergine” di Alfonso Lombardi, opera del 1522: un gruppo scultoreo composto da quindici statue in terracotta, quasi a grandezza naturale, che rappresenta un episodio tratto dai Vangeli apocrifi.

L’Oratorio può ospitare piccoli incontri e presentazioni per un massimo di 40 ospiti ed è dotato di tutte le attrezzature tecniche necessarie: schermo, proiettore, pc ed impianto di amplificazione.
L’Oratorio ha le seguenti attrezzatura tecniche:
Schermo e videoproiettore – Pc – Impianto di amplificazione
foto7La Biblioteca d’Arte e di Storia di San Giorgio in Poggiale, il cui progetto di allestimento è stato curato dall’architetto Michele De Lucchi, ospita l’ampio  patrimonio librario d’arte e di storia della Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna. La Sala di Lettura contiene opere d’arte di Claudio Parmiggiani – Campo dei Fiori e l’ultima monumentale Delocazione, nonché il ciclo Cattedrale di Piero Pizzi Cannella.

3020911-poster-p-1-neuroscience-tells-you-the-best-time-to-drink-your-coffee
La Biblioteca custodisce volumi antichi e moderni d’arte, di storia dell’arte e di storia locale, manoscritti, incunaboli, cinquecentine, editti e bandi, fondi di libri antichi, una importante emeroteca, che conserva periodici e quotidiani dalla fine del secolo XVIII ad oggi, e un articolato archivio fotografico, testimonianza insostituibile della vita cittadina dall’Ottocento in poi.
La Sala di Lettura può essere utilizzata sia per presentazioni e meeting per 80 ospiti che per cene di gala per 25 – 30 invitati.
La Sala di Lettura ha le seguenti attrezzatura tecniche:
Connessione wireless gratuita – Schermo e videoproiettore – Pc- Impianto di amplificazione – Servizio di registrazione