Bologna Art HotelsTorna alla home

Cosa fare a Bologna

Via Santa Margherita 7/2
40123 Bologna, Italy
Tel. +39 051 7457338
Fax +39 051 7457336
Email info@artravelpoint.it

porticiBologna è una città dalla bellezza discreta, intellettuale, perfetta per coloro che amano la piacevolezza del vivere, il buon cibo e i verdeggianti giardini botticelliani. È una città che ha il potere di cambiare le persone, di farle sue, di guidarle attraverso l’interminabile susseguirsi di portici, bar e osterie storiche, seducendo anche i più solitari. Va da sé che amarla non significa solo conoscerla, ma anche farla conoscere.

Un modo “curioso” per farlo è descriverne gli aspetti particolari, quasi aneddotici e bizzarri, che non si trovano sui libri di storia, ma che hanno sempre e comunque la storia dietro di sé: l’università millenaria, l’avanguardistica industria, i canali sotterranei…I suoi mille volti fanno sì che la città abbia sempre qualche storia da raccontare, qualche aneddoto con cui stupire i turisti più curiosi. I suoi portici: Durante il corso dei secoli, questa soluzione urbana ha riscosso molto successo presso il capoluogo emiliano che conta portici per ben 38 kilometri di lunghezza!

re_enzoIl Palazzo di Re Enzo è una mirabile testimonianza di architettura medievale. Deve il suo nome al figlio dell’imperatore Federico II che qui rimase imprigionato (alcuni ritengono con catene d’oro!) dal 1249, a seguito della battaglia di Fossalta, fino al 1272, quando morì. Si narra che Federico II abbia offerto ai bolognesi tanto oro da cingere tutte le mura della città, ma la fierezza del popolo e le asperità delle lotte fra guelfi e ghibellini non fecero recedere i governanti. Ancora oggi, gli eventi cittadini più importanti sono sottolineati dal rintocco del Campanazzo, l’antica campana del Palazzo del Podestà, situata nella Torre dell’Arengo.
La Basilica di San Petronio è un capolavoro dello stile gotico, che nei progetti iniziali doveva essere più grande di San Pietro in Roma! I marmi policromi della facciata ricordano i colori del gonfalone: l’edificio, inoltre, è impreziosito da tanti capolavori tra i quali i bassorilievi di Jacopo della Quercia, sul portale, e l’inferno dantesco, opera di Giovanni da Modena, nella Cappella Bolognini.
Bologna la dotta. Lo Studium venne fondato nel 1088 ed è considerato la più antica università del mondo, frequentata da Copernico, Thomas Becket, Paracelso, Albrecht Duerer, Erasmo da Rotterdam, Dante e Petrarca. L’Alma Mater Studiorum, come è chiamata l’istituzione, si costituì attorno alle importanti figure di giuristi noti come glossatori della scuola di Bologna, che attraverso lo studio del Corpus Iuris Civilis di Giustiniano diedero un forte impulso modernizzatore allo stato e a quella branca del sapere che oggi, con termine moderno, chiameremmo filosofia politica.

Bologna nel trecento era un importantissimo centro tessile, sfruttando i mille canali, direttamente collegati col Po, ora interrati. Resta il Reno, che la attraversa, protetto e nascosto dai palazzi… ve ne eravate mai accorti che c’è ancora un fiume in città? Bene, andate in via Piella e cercate una finestrella in legno: vi affaccerete sul Reno!
La Pinacoteca Nazionale, presso l’ex convento di Sant’Ignazio, è una delle quadrerie più importanti d’Italia e fu costituita in epoca napoleonica per evitare che i francesi trafugassero le opere provenienti dalle chiese soppresse. La Scuola Pittorica Bolognese, inoltre, è nobile e rinomata, grazie al genio di artisti come Vitale da Bologna, Guido Reni e i Carracci, alfieri di un rigoroso classicismo in opposizione alla pittura manierista di fine cinquecento. Nel novecento la figura artistica di Giorgio Morandi è sicuramente fra le più interessanti ed importanti nel panorama internazionale. A Bologna, infatti, è attivo un museo interamente dedicato al maestro.

nettunoLa città, scrigno di opere d’arte, conserva importantissimi capolavori di scultura: la Fontana del Nettuno, in Piazza Maggiore, del grande Giambologna, il drammatico compianto sul cristo morto, in terracotta, di Nicolò dell’Arca, presso la chiesa di Santa Maria della Vita, e la celebre Arca di San Domenico, presso l’omonima chiesa, alla quale lavorarono ancora il Dell’Arca, Nicolò Pisano e un Michelangelo allora diciannovenne! Domenico di Guzmàn (1170-1221), originario di Calaruega di Castiglia, infatti, venuto a Bologna per lo Studium, si stabilì in città, dove fondò l’ordine dei Domenicani.

tortelliniBologna la grassa! Opulente e succulente prelibatezze bolognesi: come le tagliatelle, che la leggenda narra siano state inventate nel 1487 dal tal Zefirano che, in occasione del matrimonio di Lucrezia Borgia, si ispirò ai suoi biondi capelli, preparate col ragù, sugo a base di carne macinata di maiale, vitello e manzo, e pancetta; i tortellini, in brodo di cappone o gallina, sono un’altra gloria cittadina; la forma si ispirerebbe al sinuoso ombelico di Venere. A Bologna sono molto diffuse, infine, le lasagne (tipiche dell’intera Emilia) preparate con gli spinaci (lasagne verdi). Con il suo rosa invitante, punteggiato di bianchi lardelli, la Mortadella bolognese si classifica indiscutibilmente tra i salumi più amati dell’Emilia Romagna…e pensare che per secoli la sua ricetta è rimasta segreta, confidata oralmente solo ai membri della corporazione dei Lardaioli. Poiché infarcita di spezie e pepe, nel Seicento era ritenuta un alimento pregiatissimo nonché prelibato, tanto da farla presenziare ai pranzi ufficiali dei senatori bolognesi e al famoso matrimonio di Lucrezia Borgia con il duca d’Este.  Vale la pena assaggiarla in una delle salumerie storiche di Bologna.
Bologna l’innovativa! Qui, nel 1874 nacque Guglielmo Marconi (l’inventore della radio) e ad un secolo di distanza, nel 1974, venne alla luce la prima radio libera nella storia italiana. Il fenomeno delle Radio Libere ha segnato la storia del costume del Bel Paese; voce della cultura alternativa, di inchieste giornalistiche controcorrente e della musica pop e rock che allora incominciò a diffondersi nella società italiana.